Malformazione Artero Venosa – MAV

Malformazione Artero Venosa Laocoonte

La Malformazione Artero Venosa

La Malformazione Artero Venosa viene spesso indicata con il termine MAV.
Le MAV sono le più rare e probabilmente le più complicate tra le malformazioni vascolari.
Vengono definite, assieme alle (molto rare) fistole artero venose, malformazioni ad alto flusso. Quest'ultima classificazione è corretta ma sarebbe preferibile evitarla perché è un po' confondente. L’ISSVA (International Society for the Study of Vascular Anomalies) che è il riferimento mondiale per le anomalie vascolari ha prodotto la moderna classificazione nel 1996 (rivista poi nel 2018) e in questa classificazione non si fa riferimento a malformazioni ad alto flusso e a basso flusso.

Angioma ISSVA


La Malformazione Artero Venosa può essere presente alla nascita o essere evidente solo più tardi.
Può presentarsi come una macchia rossa, come un gonfiore pulsante fino ad assumere aspetti gravissimi con interessamento vasto della pelle, dei muscoli e anche dell'osso.
La MAV deve essere gestita solo da Medici con vastissima esperienza perchè i trattamenti sbagliati spesso la fanno crescere molto.
Per un paziente infatti è impossibile comprendere se possa essere indicato il Laser, l'Alcolizzazione, l'Embolizzazione, la Chirurgia o i Farmaci.
La necessità da parte del medico di conoscere perfettamente le biologia delle MAV è necessaria anche per evitare i possibili pericolosissimi effetti di un trattamento non ben preparato, come un intervento non preceduto da embolizzazione quando necessario.


Le MAV sono anche le più pericolose tra le Malformazioni Vascolari. A differenza di altre infatti, le MAV tendono a crescere nel corso di tutta la vita del paziente e anche i suoi sintomi peggiorano. Le MAV possono provocare molto dolore, possono sfigurare e a causa dei sanguinamenti possono persino essere letali.
Per comprendere una MAV bisogna descriverne nel dettaglio ogni caratteristica.

In particolare delle MAV è necessario comprendere: