Le Cause delle MAV

Quali sono le Cause delle MAV

Anche le MAV, come le Malformazioni Capillari, le Malformazioni Linfatiche e le Malformazioni Venose sono causate da mutazioni genetiche.
Queste mutazioni sono quasi sempre "somatiche" (cioè non si trasmenttono ai figli) e a mosaico (cioè non sono presenti in altre parti del corpo.
Con l’eccezione di alcune sindromi (come le MAV nelle sindromi da mutazione costitutiva di PTEN o le CM-AVM causate da mutazioni su RASA1) le mutazioni riguardano i geni MAP2K1 e BRAF V600e. La cosa molto particolare è che queste stessi geni mutati sono la causa anche di alcuni tumori. Ad esempio, se colpiscono la cellula melanocitaria causano il Melanoma Maligno.

Durante il periodo nel quale il bimbo si sviluppa nella pancia della mamma una delle cose più importanti che di devono formare è il sistema vascolare. Questo parte da un piccolo reticolo di vasi che si chiama "plesso capillare primitivo". Questo darà origine a capillari, vene, linfatici e arterie.

Se la mutazione avviene in una delle cellule che si specializzeranno nel formare arterie allora si forma una MAV.
Normalmente le Arterie più grandi si ramificano in Arterie più piccole, chiamate Arteriole che poi, ramificandosi ancora diventano Capillari. Dopo i Capillari ci sono poi le Venule che confuiscono diventando Vene.
Nelle MAV non è così. Le Arterie e le Arteriole sboccano in un gomitolo di vasi arteriosi e venosi che viene chiamato “nidus”. Viene definito così perché l’aspetto intricato e tortuoso dei vasi che lo compongono assomiglia a un nido di volatili.

nidus di MAV

È proprio nelle cellule endoteliali (che sono le cellule che rivestono il vaso) del nidus che è presente la mutazione genica che produce la malformazione.
Le cellule endoteliali del nidus hanno la capacità di indurre Angiogenesi (significa creare nuovi vasi arteriosi e venosi). Per fare questo si servono di molecole chiamate Fattori di Crescita. Questi sono in grado di stimolare determinate cellule a crescere. Il VEGF (Vascular Endotelial Growth Factor, fattore di crescita per le cellule vascolari endoteliali) induce alla formazione di nuovi vasi.

Chiamaci. Ora.
3519900262


Le cellule endoteliali normali utilizzano gli stessi fattori di crescita nei fenomeni di riparazione: processi di ipossia (scarsità di ossigeno), necrosi (quando le cellule muoiono) o traumi inducono la produzione di VEGF (ed altri) per riparare le aree colpite. Le cellule endoteliali delle MAV fanno la stessa cosa ma in modo quantitativamente esponenziale. È per questo quindi che i traumi o qualsiasi fenomeno produca ipossia-ischemia stimola  la MAV ad espandersi.


Per far scorrere molto sangue al loro interno le MAV a volte lo sottraggono ai tessuti vicini compiendo un “furto” vascolare. Il furto vascolare provoca danneggiamento di questi tessuti e i tessuti colpiti dal furto, incluse aree della stessa MAV a loro volta rilasciano fattori di crescita vascolari con una forte accelerazione dell’espansione della MAV. Si innesca così un circolo vizioso che inevitabilmente porta a complicanze come sanguinamenti ed infezione.
È fondamentale comprendere che qualsiasi processo terapeutico deve mirare ed ottenere l’eliminazione completa del nidus. Trattamenti "parziali" rischiano di causare un peggioramento del quadro clinico che può essere peggio di quello pre-trattamento.
Un ultimo aspetto da tenere in considerazione è che le cellule delle MAV esprimono recettori per gli ormoni sessuali femminili e quindi la prima mestruazione, la pubertà e la gravidanza producono molto spesso una accelerazione dell’espansione della MAV.

Leggi di più su...

Chiamaci. Ora.
3519900262